mk
SPEAK SPANISH
Foto
Video
con Philippe Barbut, Biagio Caravano e Michele Di Stefano
creazione e produzione mk09
Questo lavoro colleziona un gruppo di danze locali, osservate dal tavolino di un ristorante per turisti in un luogo qualsiasi del pianeta. Ogni coreografia introduce sistemi dinamici "propri", ma anche una maniera grossolana di infierire su di essi in termini di presenza corporea. Una sorta di sonoro stordimento, familiare a chi si lancia nel parlare una lingua straniera per un tempo considerevole. Dinamiche binarie, folklore hawaiano o attitudini da concerto rock contribuiscono a inventare la mappa di un viaggio anonimo, dal quale è bandita ogni avventura, se si eccettua il brivido della prenotazione. Idealmente ispirato a "Il giro del mondo in ottanta giorni" di Jules Verne.


*
Let's dance NO put on your red shoes NO and dance the blues YES
Let's dance NO to the song they're playin' on the radio NO
Let's sway YES while colour lights up your face NO
Let's sway YES sway through the crowd to an empty space YES
If you say run, I'll run with you NO
If you say hide, we'll hide YES
Because my love for you NO
Would break my heart in two NO NO
If you should fall YES
Into my arms NO
And tremble like a flower NO
Let's dance NO for fear your grace should fall NO
Let's dance NO for fear tonight is all YES
Let's sway YES you could look into my eyes NO
Let's sway YES under the moonlight, NO this serious moonlight YES
If you say run, I'll run with you NO
If you say hide, we'll hide YES
Because my love for you NO
Would break my heart in two NO NO
If you should fall YES
Into my arms NO
And tremble like a flower NO
Let's dance NO put on your red shoes NO and dance the blues YES
Let's dance NO to the song they're playin' on the radio NO
Let's sway YES you could look into my eyes NO
Let's sway YES under the moonlight, NO this serious moonlight YES

*



In in vista di un giro del mondo
prod. mk09

“Alla globalizzazione appartiene l'avventura, alla globalità la prenotazione.”

“quel gentleman non domandava niente. Egli non viaggiava, descriveva una circonferenza. Era un corpo, soggetto alla forza di gravità, che percorreva un'orbita intorno al globo terrestre, secondo le leggi della meccanica razionale. In quel momento stava ricalcolando mentalmente le ore impiegate dalla partenza da Londra, e si sarebe fregato le mani se fosse stato nel suo temperamento il fare un movimento inutile.”

Sloterdijk, Il mondo dentro il capitale.
Verne, Il giro del mondo in ottanta giorni.
Back