logo  
  sx dx  

prod. mk 08
in collaborazione con Xing.

Dal prototipo WASTEDintuizioni sul mondo in attesa che diventino una costruzione compiuta

Un gruppo di performer si immerge in un ambiente per abitarlo. L'ambiente può avere fogge e dimensioni assai diverse, può essere in interni o in esterni, purchè sia possibile pernottarvi e lavorare indisturbati.Ad ognuna dei performer invitati viene chiesto di costruire un proprio spazio privato sotto forma di baracca/capanna/igloo/qualsiasi forma ritenga opportuna per il pernottamento e l'azione.
L'ambiente ricreato viene aperto al pubblico nella parte finale dell'esperimento abitativo mostrandosi come agglomerato spaziotemporale; le tracce dell'esperimento abitativo sopravvivono nell'incontro con il pubblico.Si costruisce un prototipo di habitat precario - allo stesso tempo domestico e selvaggio - e se ne considerano tutti i disequilibri, generatori di principi ergonomici della sopravvivenza.Le azioni proposte dai performer durante la permanenza nello spazio (lavoro di costruzione – comunicazione e collaborazione con altre unità abitative – esperimenti performativi, intuizioni e ritualità corporee, solitudini) si dilatano e qualificano nel tempo, corrompendosi con la visibilità esterna.L'incontro avrà un andamento caotico; le attività di costruire, danzare, abitare vengono dislocate secondo un piano regolatore flessibile, che smussa ogni accento rappresentativo.Interno ed esterno coincidono – o meglio – collassano l'uno sull'altro.Ogni volta che passo su uno svincolo autostradale mi meraviglia il vasto prato o la montagnola che fungono da spartitraffico e mi sembra sempre di avere davanti agli occhi il luogo ideale per una fondazione.



aprile 08
Sottopasso Ugo Bassi/Marconi, Bologna
WASTED- intuizioni sul mondo in attesa che diventino una costruzione compiuta

ideazione mk
con Lorenzo Bianchi, Cristina Rizzo, Marcello Maloberti, Sinistri, Marco Mazzoni, Flavio Favelli, Cuoghi & Corsello, MK + extra.
produzione F.I.S.Co. 08 Festival Internazionale sullo Spettacolo Contemporaneo - Universal Cosmic Murmur

Abitare in un sottopasso metropolitano per 48 ore
Che tipo di contributo possono apportare queste unità ad un piano regolatore della favela temporanea?
Che tipo di comunicazione è possibile instaurare a partire dal fatto che l'esterno risulta contemporaneamente un FUORI da sé e un DENTRO un progetto collettivo? (Where is my mind?)
La dinamica permette di sperimentare comunicazioni con altre unità abitative e di vagare nel paesaggio che si sta compiendo senza progetto (Walkabout). Lo stare fuori si corrompe immediatamente con la visibilità ma ogni progettualità può essere privata di accento rappresentativo senza perdere di ambiguità (What?)
La dinamica potrebbe potenziare intuizioni personali del performer in merito alla ritualità corporea della propria solitudine, eccetera (Wake).
Un processo corruttibile di discesa/risalita: il sottopasso viene aperto al pubblico nella parte finale dell'esperimento abitativo mostrandosi come agglomerato spaziotemporale; le tracce dell'esperimento abitativo sopravvivono nell'incontro con il pubblico (Wasted).
L'incontro ha un andamento caotico, dilatato su diverse ore.
Un piccolo quartiere, generatore di suono. Baracche vuote, traslochi o "visite a se stessi". Abitanti sedentari e con tendenze nomadi, che ricostruiscono e smontano in funzione dei propri desideri di contatto o di attenzione (Warning). Intrusioni esterne (Wolf).

luglio 08
Riva fiume Savio
Happened
mk + Cristina Rizzo + Le Supplici